Cenni Storici

Ai piedi del Monte Ascensione, nella collina di fronte a Castignano, a 7 km dal capoluogo, divisa da questo dal torrente Chifente, sorge Ripaberarda, antico castello del comitato ascolano, le cui origini si perdono nella notte dei tempi.

decretoNon meno misterioso è il nome di Ripaberarda, che taluni studiosi attribuiscono alla somma del sostantivo “Ripa” ed uno sconosciuto “Berardo”, probabilmente un feudatario titolare del castello da cui il centro avrebbe avuto inizio. Ripaberarda è un nome che non si dimentica ma il suo “soprannome” è ancora più singolare. I suoi abitanti, e quelli dei paesi vicini, la chiamano infatti “la troia”.

Alcuni autori fanno risalire la nascita del paese ad epoche remote, addirittura al IX secolo prima di Cristo, per opera di popolazioni pelasgiche provenienti dall’area adriatica. In qualche maniera c’è un legame con la città cantata nell’Iliade da Omero, come sembra indicare la singolare toponomastica del centro storico: Piazza Priamo, Via Anchise, Via Enea, ma l’affascinante versione epica del nome del borgo antico sembra comunque tramontata in base al recente lavoro di alcuni storici che fanno derivare il nome da troie o truie (= pista per il bestiame) o più probabilmente da trivium o troio (= incrocio di tre vie).

Nel 1510 tre quarti del castello franarono a causa delle erosioni del torrente Macchia e con le case fu distrutta anche la chiesa benedettina dedicata al patrono Sant’Egidio. Ripaberarda è stata comune fino al dicembre 1865 quando, con Regio Decreto, ne fu disposta l’aggregazione a Castignano di cui ancora oggi è l’unica frazione. Nel paese è ancora visibile la porta castellana ed i resti delle mura fortificate e può facilmente immaginarsi l’im­pianto urbano del Castello che, per la sua struttu­ra, ha tutte le caratteristiche di una rocca inacces­sibile a difesa dei confini.

Ripaberarda è comunque conosciuta per lo splendido campanile cinquecentesco, e per il caratteristico paesaggio che la circonda: i calanchi


Foto ripaberarda attualepianta_chiesa_S.Maria_Nuovafoto della chiesa di S.Maria nel 1928

 


Gonfalone del Castello di Ripaberarda Drappo: di nero con borgonfalonedatura d’oro.Iscrizione: “RIPA BERARDA CASTELLO” in caratteri gotici d’oro.

Arma: di azzurro al santo con tonaca monacale di nero, crocifisso d’oro e cordone stringente in vita, nimbato e mitrato d’oro e accostato sulla destra dal pastorale dello stesso; il tutto dentro uno scudo ovale circoscritto da tralci di vite con pampini e grappoli di uva matura al naturale.

Lo stemma è omologato per le rievocazioni storiche in costume.

Ad ogni modo, questa realizzazione dello stendardo castellano non va intesa come operazione campanilistica o aneliito d’indipendenza dal capoluogo comunale, ma come reintegrazione e tesaurizzazione della propria memoria araldica.

 

Articoli recenti

Ripaberarda in Festa 2017

Programma della XXIXª Sagra della Birra a Ripaberarda di Castignano.
Non sarà di certo il terremoto a fermare la festa di Ripaberarda. Cinque giorni ricchi di Eventi Culturali, Musicali e Divertimento, il tutto contornato da pasti deliziosi e birra fresca. Tutti i giorni oltre ai piatti presenti nel menù c’è il piatto speciale della serata, con prodotti locali e ricette antiche come la “Pecora n’callara”, la “Trippa”, lo “Spezzatino alla guinness” e lo “Stinco di maiale”.

punti esclamativiDomenica 6 Agosto
Concerto live con TAMMURRIATA ROCK di ENRICO CAPUANO, Il più grande percussionista italiano TONY ESPOSITO e direttamente dal Costa Rica la Regina della Disco Latino-Americano CECILIA GAYLE
a seguire DISCO M’N’CHETTA

Scarica il programma della festa 2017 (pdf 5 MB)

Per ulteriori curiosità visita la nostra pagina Facebook.

ripaberarda  in festa 2017 locandina

ripaberarda in festa 2017 locandina

  1. Festa San Michele Arcangelo 2017 Lascia una risposta
  2. Estrazione lotteria 2016 Lascia una risposta